PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La retta via

Questo correre
veloce il treno
e sul seggiolino
sballottato.

Come un' astronauta
a lenta velocita'
incorciando
treni velocissimi.

Ne ho visto uno
nella galleria
mi ha fattto paura
sembrava proveniva

da un altro pianeta
pieno di extraterrestri
per un convegno
al centro della terra.

E altri treni
meno veloci
che dentro sembra
che sei in aereo,

con il giornale
e dal finestrino
non vedi lo spazio
ma un panorama.

Come una dietro l' altra
istantanee fotografiche
di un album che finisce
alla stazione.

"Ma non eran le foto
del matrimonio di Maria?
"Ma che dici,
fai confusione!

Sei proprio nel pallone!"
"Sara' l' arrivo a Camucia?"
Sara' che stai deragliando
dalla retta via!"

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • loretta margherita citarei il 06/09/2011 15:52
    nulla centra dante a mio giudizio, solo impressioni di chi si accorge di un periodo sballato, piaciuta
  • Raffaele Arena il 06/09/2011 15:26
    Il paragone all'Alighieri mi sembra eccessivo e spropositato assolutamente, ma Vi ringrazio comunque dei Vostri splendidi e benvoluti commenti
  • Anonimo il 06/09/2011 10:33
    Mi piace molto, sembra una rivisitazione contemporanea di Dante, sì... complimenti!
  • roberto caterina il 06/09/2011 07:38
    Questo "smarrimento" dantesco con deragliamento a Camucia mi ha fatto sorridere e pensare alla mia vita (insieme a quella di tanti altri) di pendolare...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0