PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Manovra fiscale agosto 2011

Il guidatore non risponde,
il pensiero del proprio lo sovrasta, lo confonde.
Quel che è stato detto ieri oggi viene cambiato,
passano i giorni, nulla è definito.
I tagli vengono fatti su gente ignara.
Giorno dopo giorno il costo della vita rincara.
Di tutto si parla e si commenta.
La gente è stanca, piano, piano contro si fomenta.
Dominano privilegi a dismisura
di un potere che va oltre, oltre natura.
Si propongono remunerazioni a convenienza,
non li comprende chi cerca sol sopravvivenza.
Se una finestra il popolo chiude,
riaprono porte, nulla a lor si preclude.
Sono depredate risorse a non finire,
chi condanna il loro voler deve recepire.
Ci si accanisce sulla povera gente.
Rispondono solo a parole, non fanno niente.
Nostra è la colpa se poi ricorrono alla legge,
li abbiamo eletti, or li protegge.
Sempre si spera in nuove e determinate generazioni,
che diano, finalmente, atto a non violente ma pacifiche rivoluzioni.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Fernando Piazza il 06/02/2012 08:38
    Ottima scelta di parole per un componimento davvero eccellente e di non facile fattura, dal contenuto chiaro e inconfondibile per il quadro veritiero e desolante che esso offre della nostra attuale situazione economica e politica. Molto bravo
  • Anonimo il 14/09/2011 11:39
    hai descritto benissimo ciò che sta accadendo caro Virginio... e come tu dici li abbiamo eletti... comunque secondo me sono tutti uguali... ormai non c'è più distinzione... cioa carla
  • Ada Piras il 06/09/2011 23:14
    Le chiamano manovre... ma vanno sempre nella stessa direzione...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0