PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'ora

Ho venduto i miei sogni,
quelli rimasti, roba da poco,
miseri resti di solide fortezze,
vacuo fumo d'un fuoco antico.
Ho venduto le mie speranze,
prive di volo come i gabbiani
quando stanchi s'appoggiano
sui ponti delle navi.
Ho venduto la mia dignità,
inutile veste d'organza
come i paramenti dei preti.
Senza schermo né rifugio,
senza maschera,
senza timore,
ora sono pronto.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • mauri huis il 23/03/2012 12:13
    Amara e rassegnata ma non disperata nè sconsolante. Quattro frasi in sequenza praticamente perfette. Spiegano molto anche se spero non dicano tutto.
  • Anonimo il 29/09/2011 20:18
    Il tuo linguaggio poetico qui si dispiega con una rara forza immaginifica, grazie anche al fatto che hai usato oggetti concreti - ruderi, fuoco, gabbiani, vestiti Ci denudiamo di ciò che ormai è inutile, di ciò che non può più confortarci o renderci forti, prendiamo consapevolezza della nostra debolezza e fragilità e da qui partiamo per affrontare qualunque cosa si prepari, sia essa una nuova vita o la morte. Bravissimo Edmond, sei una graditissima sorpesa
  • Nunzio Campanelli il 09/09/2011 10:00
    Grazie a voi!
  • danilo il 08/09/2011 20:29
    Stupenda, sei stato molto bravo..
  • loretta margherita citarei il 08/09/2011 16:49
    e vai libero bella
  • Anonimo il 08/09/2011 14:28
    pronto senza zavorre... senza lacci, senza legami, senza falsità... per poter ricominciare
    mi è piaciuta molto bravo...
  • Anna Rossi il 08/09/2011 13:45
    spietata analisi di come non sei tu ma di come siamo tutti noi. ora siamo pronti, forse e spero, a ricominciare da capo per vivere davvero. i miei complimenti, la più bella di oggi! raramente i testi sanno rappresentare lo sconforto collettivo della attuale società attraverso un'introspezione lucida e reale. direi, quasi, apparentemente distaccata, ma non per questo meno sofferta. bravo
  • Anonimo il 08/09/2011 12:23
    Questo canto canta, spero, solo un brutto momento passeggero. È bello non indossare nessuna maschera, per nessuno. Complimenti.
  • laura cuppone il 08/09/2011 11:49
    pronto
    nudo
    e sognante... sempre.

    bellissima.
    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0