PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Domanda

Presto fioriranno le ginestre
gialle
dove
il lago non è molto lontano dal
mare
ma se la fanciulla che io sogno
non giunge
non devo per questo
rammaricarmi perché tutto nella
vita è vano tranne la
contemplazione.

Le immagini
non si lasciano turbare dai ricordi.

Così la sera ascolto il canto acuto
delle rane
mentre al mattino mi sveglia il grido
crudele del gabbiano
e mi sembra di esistere ancora
pur se è sparita la scia della barca
che ti accompagnava
oltre la nebbia
oltre le voci che tacciono
perché sono state prese
dal sonno o dall'amore...

Ma
Non pensare che la contemplazione
sia cosa che appartiene
a me solo
è come una veste da indossare
nei giorni non visti
e
come una domanda da farti
sempre...

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0