PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Barbari

Barbari ruòtano baròcche clàve
di appuntìte paròle. Che frècce
avvelenàte partòno; visìbìli
dardi a colpìre del cuòre l'ìntimo
annichilìto. Nemméno i vècchi
osarono tànto! Perché dèl vèrbo,
fecero inestimàbile giòia.

Nemmeno l'òrda che dall'àlto scèse
Alla conquìsta dègli imperiàli
onori avvìli tànta bellèzza
che da èssa sèppe trarne profìtto
divenèndone fedéli cultòri.

Ora che di quèsta già martoriàta
comunità, solo il lògos rèsta
testimòne di un ièri fecòndo
e creativo, il verbo martoriato
dagli incòlti e falsi profèti,

arriva avanzàndo, distruggèndo
quel che di noi era délla mente
l'atto subìime del nòstro agìre.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0