accedi   |   crea nuovo account

Accade oggi pomeriggio

Penso a Pessoa
Ed al destino del postino
Con la dermatite più atroce
che si annuncia, timido, in ufficio
per passare le raccomandate.

Le mie colleghe, mature,
Hanno le pupille al terzo set
ma nessuna di loro si muove.

Mi alzo io, come se niente fosse
( solo perché lo capisco?!)
E, quasi commosso, firmo e prendo le buste
Da quella voce troppo, troppo educata
A tener le mani nascoste.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Samuele Scagliarini il 23/09/2011 09:30
    Grazie per il molto esclusiva e per il passaggio. Ho stima dei tuoi commenti.
  • Ugo Mastrogiovanni il 22/09/2011 18:38
    Soggetto per un bravo pittore, mentre in versi trovo un buon linguaggio, un simpatico luogo di rappresentazione e un momento di narrazione e unità comunicativa molto esclusiva.
  • Samuele Scagliarini il 21/09/2011 16:34
    L'umiltà non so se è roba mia... ma non importa! Pessoa sicuramente valeva di più e si "proponeva" meno... strano equilibrio, no?!?! E non so neanche se possa essere almeno decente sto scritto. Le mie colleghe stavano a rimbalzarsi le pupille fra le loro capocce...

    Grazie Lau!
  • laura cuppone il 21/09/2011 14:09
    e che te lo dico a fare?
    ... me l'ero persa...
    questa foto... quest'attimo di incontro
    tra umiltà spirituali
    in perfetti
    sconosciuti...

    le tue colleghe... guardavano una partita?...
    beh, ognuno ha quel che si merita...


    bella!!!!
    un abbraccio sam
    Lau

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0