accedi   |   crea nuovo account

Tic tac

Ti fisso orologio.
Caro compagno che scandisci
ore e minuti della mia solitudine.
Vorrei solo un caldo abbraccio,
è troppo tempo che entrambi
aspettiamo solo la fine del tempo.
Quanto desidererei un impossibile
rallentarti,
fermarti,
schiacciarti.
Ma l'ultimo tuo giro di lancette.
coinciderà con l'ultima mia sigaretta.
E sarà finalmente la nostra fine insieme.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Manolo il 31/08/2014 16:48
    Fantastica, hai racchiuso certi miei neri pensieri come un vero poeta. Buona fortuna,
    Manolo.
  • STEFANO ROSSI il 14/12/2011 13:22
    Wow! che poesia!!!!! bella. fermati tempo!!!!!!!!
  • loretta margherita citarei il 11/09/2011 17:58
    intensa poesia, originale, bellissima complimenti
  • Ugo Mastrogiovanni il 11/09/2011 11:49
    "Quanto desidererei un impossibile rallentarti, fermarti, schiacciarti" versi declamati da tutti, molto più spesso in silenzio, ma che vagano sullo sfondo del tempo infinito e impenetrabile. Daniela Treccani si sforza di conoscere una nuova dimensione temporale, ma si ferma a quella della sua bella poesia.
  • Anonimo il 10/09/2011 09:46
    Poesia toccante. Spero che sia stata scritta solo in un momento particolare... se le lancette si fermano... tu non fermarti mai!
  • Sergio Fravolini il 10/09/2011 07:34
    È un testo duro mai stancante. Mi piace.

    Sergio
  • Auro Lezzi il 10/09/2011 00:19
    Mia cara... È un tempo duro da passare.. Un tempo difficile per due anime stanche... Il tempo della tua immensa generosità ti sarà però ricambiato col tempo dell'amore... Bacio...
  • Ada Piras il 09/09/2011 22:32
    Daniela spero sia solo un momento e che passi presto... deve passare...
  • Riccardo Rossi il 09/09/2011 22:11
    Parole che scorrono, con vari desideri, per finire con una vena di tristezza
  • silvana capelli il 09/09/2011 21:39
    Il tempo non lo puoi fermare, continua il suo ciclo inesorabilmente, incalcolabile. Ma tu carissima Daniela, non fermarti perchè decidi tu, spegnila prima del tempo quell'inutile sigaretta e il giro delle lancette le vedrai girare nell'altro verso, con la voglia di vivere perchè, la vita è bella!!! coraggio... ti voglio bene. Silvana
  • Michelangelo Cervellera il 09/09/2011 21:19
    " e aspetto di essere cenere" è la chiusura di una mia poesia. Cambiano i ritmi, ma il risultato e lo stesso. Attendiamo fiduciosi una carezza, che a volte arriva, ma non basta a colmare l'abisso che ci portiamo dentro. In fondo mi piace la tristezza, la melanconia e anche questa tua è molto gradevole.
    Michelangelo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0