PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Autunno

Sbiadito,
nei miei ricordi intravedo il tuo volto,
se mi avvicino percepisco ancora il tuo profumo.
Come la foglia si stacca dal ramo, anche tu,
cadrai ai miei piedi, ed è lì che giacerai, giallo, dimenticato
per il resto della tua effimera esistenza.
O forse semplicemente celato, in modo da
lasciarmi crescere forte e rigoglioso.
Io albero, tu foglia,
Io presente, tu passato.
Attenderò la mia primavera,
il sole caldo mi donerà vita nuova,
nuove foglie mi ricopriranno, e mi daranno la felicità
che tu nn mi hai saputo dare.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0