PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tempo di giovane pensare

Urgente eccesso di foschia,
sfiorar il fior ancora crudo in segreto,
deglutir per malavoglia di retta via.
Innovazione di bianco vestita
vergine di pensieri schiavizzanti,
e mano mia a scostar capelli sul viso
solleticando lineamenti fini e composti.
Invidiosa belligeranza al cospetto del magnifico.
Incantesimo; parola magica di rito reale
il miracolo cade sul capo con aria spavalda,
è bellezza ignota a render ignobile ogni atto.
Crosta fervida di ferita passata
urge premura di svanir.
Caduta di capelli e solchi sul viso
son lontani da vigente tempo,
la figura soggettiva, di bocche e menti diverse,
legge ogni passo, sparendo al ritroso sguardo.
Son piaceri leggeri,
peccati di vanità
e il pargolo è innocente
figlio di bellezza e verità,
vestito d'ammirazione, spoglio di virtù.
L'innocenza in età tenera conservata,
macchiata al fiorir del senno.
Vuoto malato parlatore
piccola ed esule gabbia di tempo.

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0