PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dov'è mia figlia?

mi svegli
angosciandomi
nel cuore della notte.

Con voce rotta
dal pianto
vorresti che svegliassi
i miei figli
dormienti nella camera
accanto
per sapere se qualcosa
sanno di dove si trovi tua figlia..

Da sempre sono di lei
amici
ma svolgon ben altra vita
assai più tranquilla.

Tu mia cara amica
di cosa ora ti lamenti?

Appena bocciolo di rosa
non le hai negato i divertimenti...
con amici ed amiche
ogni sabato in discoteca
le sue pretese
ogni giorno maggiori
sempre hai assecondato...

Ed ora sei nei tormenti
piangi e ti disperi
in mesti tristi pensieri..
ed io non so darti certezze.

Amica mia
educare con arte
esige sacrifici
valevano i divieti
e non carezze...

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 14/09/2011 10:22
    Oltre ad essere d'accordo mi è veramente piaciuta questa tua eccezionale!
  • rosanna gazzaniga il 12/09/2011 23:05
    Bella, tema attuale e profondo. Spesso ai figli si concedono troppi agi in cambio di presenza utile. Spesso gli adolescenti non vogliono parlare e non si trova la psicologia giusta per farlo. E nella solitudine c'è il pericolo. Difficile, arduo il ruolo dei genitori. E quanti ragazzi si perdono per parole mai dette!
  • claudia checchi il 12/09/2011 22:39
    Molto dipende anche dalle compagnie e il carattere della figlia/o.. se si lasciano trascinare... e le famiglie son spesso ignare di cosa facciano bensì siano genitori molto presenti... ciao loretta..
    claudia
  • loretta margherita citarei il 12/09/2011 20:53
    essere troppo permissivi e viziare i figli non produce mai buon frutto, bisogna stabilire regole di comportamento, grazie a tutti
  • Anonimo il 12/09/2011 20:49
    Le parole servono a poco. Loretta lei è bravissima.
  • Anonimo il 12/09/2011 19:54
    ma... certezze non ve ne sono. Nella vita cosa occorre ai genitori e ai figli. Culo. Io ne ho avuto parecchio ed è andata bene. Conta poco quello che insegnano i genitori, contano le circostanze e la fortuna di trovare buoni amici.
  • Anonimo il 12/09/2011 19:25
    Cara Lor... condivido il commento di Anna Rossi... e il pensiero di Salvatore.
  • Anna Rossi il 12/09/2011 17:28
    non bisogna mai giudicare. anche se è vero quello che tu affermi. il problema è molto complesso. occorre riflettere su ciò che hai scritto. ciao
  • Anonimo il 12/09/2011 16:14
    Amica mia, tanti genitori danno ai figli le cose, ma non danno nulla di sé, né i valori del vivere, perché sarebbe tutto molto più impegnativo. Barattano in questo modo la loro latitanza.
    La stessa cosa avviene in molte coppie dove, la persona più ricca, dà soldi e cose all'altra, ma non dà nulla di se stessa. Baratta il disinteresse e l'egoismo personale con i soldi e le cose... salvo poi fargliela pagare in seguito, anche adducendo falsità e facendole terra bruciata intorno. Sono le classiche vendette dell'egoista!
    Poesia molto ben scritta e piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0