accedi   |   crea nuovo account

A fondo

Occorre cadere nel fondo più profondo
per potere risalire.

Perdonami se arrivo
con l'animo confuso
come se ben non sapessi
che sto per fare.

Conosco il mio cadere
so fin dove voglio arrivare
nel nero più nero
nell'abisso sconosciuto.

Devo e voglio poterci arrivare
per capire fino dove
il mio corpo mi può portare
conoscere il suo limite
vederlo barcollare
sentirlo soffrire
spogliarlo di tutto.

Perdona la mia vanità
nel dire che so di potere ritornare.

Avrò goduto di un attimo di libero sfogo
sarò diventata l'ultima degli ultimi
l'anima nera che nessuno vuole.

Arriverò al limite
vi metterò un punto
per ben ricordare
fin dove sono stata capace di arrivare.

E quando nulla avrò più da dare
quando anche l'ultimo bagliore di anima
avrò venduto
starò male
tanto male
proverò un dolore inconsolabile.

Ecco allora saprò
quanto è stato il dolore
che ad altri
ho saputo provocare
e da lì
potrò andare verso il profondo abisso
da dove forse potrò ritornare.

E dal fondo tornerò solo se vorrò restare.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Bruno Briasco il 05/11/2011 20:02
    Intensa... dolorosa. Solo chi cade può risorgere e sperimentare l'abisso è tremendo specie se si ha sensi di colpa. Forza Stella Luce, cerca di risplendere quanto prima... il mondo ti aspetta per sorridere con te. Un caro abbraccio
  • stella luce il 14/09/2011 08:31
    ... troppo presto l'invio.. grazie a te e a tutti... le stelle sono belle ma anche a loro capita di cadere... e noi mortali quando le vediamo cadere esprimiamo un terreno desiderio... allora che la mia caduta sia la risalita di chi amo... ciaooo oggi giorno particolare spero vada tutto bene... ciaooooe grazia
  • stella luce il 14/09/2011 08:29
    .. grazie Lady... certo che prima o dopo risalirò... ma come ho scritto per risalire si deve voler restare... ora io non so cosa voglio...@Vincenzo granzie per le belle parole "sublime" cavoli credo sia troppo... ma grazie a te a
  • Dal fondo, anche più abissale, si può solo risalire...è l'unica via possibile... e io lo so... ma lo sai anche tu...è la forza innata che è in noi...è istinto di sopravvivenza... possiamo chiamarlo come vogliamo, ma c'è... ti auguro una risalita splendida, come si addice al tuo nome... e credici perchè sarà così... Buona giornata Stella... a tutti...
  • Vincenzo Capitanucci il 13/09/2011 09:09
    Sprofondando si raccoglie il buio... a piene mani... per portarlo alla luce... e si capiscono molte cose...
    Bellissima Stella... solo chi ha sperimentato il dolore... può veramente capirlo...
    E dal fondo tornerò solo se vorrò restare... sublime..
  • stella luce il 12/09/2011 23:37
    grazie per le vostre parole... solo quando si capisce di essere sul fondo credo si possa capire che è ora di risalire... oggi è un triste giorno... credo nella verità e oggi me ne manca tanta molta e in mio muro non è terminato ed io non riesco a intravedere una luce che mi faccia capire dove riporre il prossimo mattone...
  • Dolce Sorriso il 12/09/2011 23:26
    condivido i tuoi bellissimi versi, toccare il fondo, per risalire più forti che mai... brava!
  • Aedo il 12/09/2011 23:18
    Poesia molto bella, che condivido in pieno: bisogna sperimentare il vuoto, il baratro, per capire chi siamo veramente nella profondità esistenziale e riemergere. Apprezzo molto i contenuti espressi. Complimenti!
    Ignazio
  • Fabio Mancini il 12/09/2011 21:36
    Molte persone rifiutano il cibo e muoiono. Altre si torturano fino all'inverosimile... ma in tutto questo il senso mi sfugge! Ami soffrire? La sofferenza non ti porterà alla conoscenza e nemmeno alla sapienza che è dono di Dio. E forse un giorno rimpiangerai gli errori commessi, i sogni d'amore infranti, la vita danneggiata dalla tua caparbietà. No, non sempre si ha una seconda opportunità ... Buona vita. Fabio.
  • loretta margherita citarei il 12/09/2011 20:12
    molto bella intensa
  • Anonimo il 12/09/2011 19:16
    Ecco allora saprò
    quanto è stato il dolore
    che ad altri
    ho saputo provocare
    e da lì
    potrò andare verso il profondo abisso
    da dove forse potrò ritornare.

    E dal fondo tornerò solo se vorrò restare...

    Molto bella, sentita. Brava
  • Anonimo il 12/09/2011 18:19
    una poesia molto profonda, complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0