PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Evanescenza

Sparirò come pioggia nella sabbia,
brucerò come fuoco nella notte,
brillerò e arderò tra le stelle e se vorrai
attraverserò le distanze che ci separano
e volerò da te in un istante...
se chiudi gli occhi riuscirai a toccarmi.

Dicono che non si può rinascere,
facile dirlo per chi non ha incontrato la tua pelle,
per chi come me ha toccato attimi di eternità
che ora si affollano nella mente
e non mi fanno più dormire.

Dormi tranquillo ora e stai lontano dai miei affanni.
E intanto che riposi, io continuerò a chiedermi
perché urlo ma tu non mi senti.
Mille volte chiamerò il tuo nome
ma tu non lo udrai, perché silente si perderà
nella notte immensa e senza stelle stanotte.


Lo so, sono io che ho scelto di andar via
ma tornerò per essere meno fragile e per restare,
quando i giorni passeranno in fretta insieme a te,
ma saranno insopportabili e dolorosi senza te.

Però ora ti prego,
dimmi se a volte mi cerchi tra la gente,
se ricordi il ritmo irregolare del mio cuore,
se è soltanto pioggia o sono lacrime
quelle che ora sento sulla mia pelle.

Allungo le mie mani ma tu sei distante,
proprio ora che allungo le mie mani tu fuggi via.
Resta lì pure in silenzio,
e dimmi che non avrò più paura di soffrire ancora,
quando tra le dita ti ritroverai la nostra storia,
allora saprò che la mia voce giungerà fino al tuo cuore.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • David Di Meo il 30/06/2015 16:19
    aritmia... poetica...

10 commenti:

  • Bianca Moretti il 14/09/2011 14:18
    Antonio, felice di trovarti tra i miei scritti e di avermi dedicato la tua attenzione. Un saluto
  • Bianca Moretti il 14/09/2011 14:17
    Carla, mi fanno piacere le tue parole... credo che ognuno di noi si porti dietro il proprio bagaglio di dolori e di scelte sofferte, l'importante è poi accettare le scelte fatte, siano esse giuste o sbagliate, e andare avanti... Un abbraccio
  • Bianca Moretti il 14/09/2011 14:12
    Sparire è un po' come morire a se stessi... ma poi c'è sempre la rinascita ed è meraviglioso scoprire che il mondo non è affatto cambiato mentre alcune persone lo sono... Grazie Andrea
  • Andrea (le tre Botti) il 14/09/2011 13:42
    Direi che sei mancata per qualcosa di importante...
  • antonio chisari il 14/09/2011 12:34
    ciao, ho dato un occhiata alle tue opere e devo dire che questa poesia è scritta bene, mi ha fatto ripensare ad alcune situazioni che ho vissuto in passato.
  • Anonimo il 14/09/2011 11:24
    decisione sofferta... ma una scelta di vita voluta... forse per non voler più soffrire ... MERAVIGLIOSA... un bacio grosso
  • Bianca Moretti il 13/09/2011 19:58
    Grazie a tutti per la vostra attenzione...
  • Anonimo il 13/09/2011 19:30
    Abbiamo sempre il cuore colmo di nostalgia per le cose belle a cui ci siamo distaccati... ma se siamo davvero legati a qualcosa, niente e nessuno potrà mai portarci via le emozioni che ci donano... complimenti davvero per questi versi sublimi!
  • Ettore Vita il 12/09/2011 21:00
    La lontananza e la solitudine distorcono i ricordi e il presente; apprezziamo e sentiamo la mancanza delle cose dalle quali ci simo distaccatati, anche quando ci procuravano sofferenza.
  • Anonimo il 12/09/2011 20:47
    molto bella mi piace come l'hai scritta brava!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0