accedi   |   crea nuovo account

Luci e ombre

Tutto quello che immaginate…è frutto di follie del passato.
Trasciniamo le gambe lungo un pavimento di specchi…
…noi esseri folli…
Agitiamo le nostre braccia in una palude fangosa e sconsolata.
E tutto intorno è immacolato.
Gridano i nostri avi,
in un passato presente…
che assassina di urla il futuro; ricordandoci la strada vergine
in fondo al desiderio diretto di morte e agonia.
Amiamo la morte.
L’ombra che tutto avvolge e porta via.
Le sofferenze…
L’ombra che riflette una luce funerea.
Luci ed ombre…
…incontaminate, pertinenti.
Adoriamo la morte per approvare la vita.
Ascoltate gente…
Ascoltate il vibrare di organi vitali.
Ascoltate il battere e levare…
del mio squilibrio mentale.
Siamo germogliati nel deserto.
L’uomo tetro è seduto ad ascoltare
quel vento…
…quel soffio perturbatore
che nelle mie visioni trasporta zavorra.
Sangue e ombre sulla sua pelle…sangue e orrore.
Colpisce sua madre alla gola,
ed un fiato di assurdità ne esce confuso.
Pazzia, violenta strage…
sogno dell’ignoto.
Ignoto.
Chiudete l’antro dell’uomo ignorante,
la sua prudenza è risorta.
Dietro non c’è più redenzione,
non c’è pentimento…niente altro.
L’albore della morte…sovrasta valoroso…
L’oscurità del suicidio.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Salvatore Ambrosino il 08/05/2010 21:02
    letta e riletta per cogliere fino infondo tutto l'essenza, complimenti poesia verità
  • Nicoletta Piepoli il 29/04/2010 13:16
    Versi particolari e profondi. Riflessioni importanti
  • Andrea Arvati il 05/03/2010 13:19
    profondo, libero e passionale... piaciuta
  • mariella mulas il 05/12/2007 13:04
    Ho ragione... sei un poeta.. sì un poeta che grida la morte.. che vede la morte..
    Sei fortissimo anche se l'argomento è sconvolgente.
    Spero solo parole.. parole per sfogare la tua rabbia.
  • Massimo Silvano Galli il 07/09/2007 21:10
    L’illusione master del tempo che viviamo: più si produce, più si è in grado di consumare e, quindi, di desiderare, fino ad arrivare a un punto in cui, inconsapevolmente, i due parametri coincidono e si giunge a consumare il desiderio (sic).
  • Maty' Sessa il 19/06/2007 20:35
    cambia mestiere e mettiti a vendere zucchero filato almeno ti addolcisci
  • Maty' Sessa il 13/06/2007 21:06
    la tua vena poetica risalta molto il tuo stato d'animo
    e la tua insofferenza
    comunque mi piace la tua poesia
  • Nicoletta Piepoli il 21/05/2007 09:16
    Bella...
  • roberto mestrone il 20/05/2007 15:22
    Grido molto acuto e severo verso l'umanità...
    Molte verità, comunque, mei tuoi versi..
    Bravo Simone.
    Ro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0