accedi   |   crea nuovo account

Edera

E da questo astioso silenzio
cerco conforto..
Da ogni secondo che passa,
da ogni luna che sorge
estrapolo dalla mia mente la tua illusione
che come edera m'avvolge..
senza alcun ritegno,
senza consolazione..
In questi effimeri versi cerco rifugio
quando tutto intorno a me sembra svanire,
quando il mio cuore gronda
per lo strazio delle parole che feriscono,
dei silenzi che trascinano verso il precipizio..
E non odo piu cuore
in tutta questa vita..
Ma puo dunque esser definita ancor tale?..
E chiudo così gli occhi
travolta da un fiume d'illusioni,
che sfociano sempre ed inesorabilmente
in un mare di delusioni..

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • luigi granito il 13/09/2011 22:24
    Mi piaciono molto i versi iniziali, e anche l'immagine di quei silenzi che tormentano la nostra anima e che ci lasciano soli e spaventati. Si a volte si è sfiduciati, a volte il sole riporta la luce nella nostra vita. MI piace

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0