username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'urlo

Ho conosciuto il male
Che non conosce fine
Immenso nella sua limitatezza
Soffocante nella sua vastità
Penetrante nella sua vacuità

Come se fossi libera di svanire
Ma schiava della mia esistenza
Come se volessi muovermi lievemente
Ma fossi legata alla gravezza del corpo

Ho conosciuto il male
Che non ha vergogna... solo dolore
Ho conosciuto me...

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Emanuele Perrone il 23/02/2014 22:28
    Molto significativa, certi incontri lasciano sempre il segno.
  • Antonella Murabito il 15/09/2011 22:03
    Adoro l'arte ed amo i quadri di Munch.. ragazze!!! Ed il vostro citare il quadro, pur senza aver detto chiaramente che ad esso mi sono ispirata, mi riempie di soddisfazione... Grazie!!!!
  • Anonimo il 15/09/2011 18:33
    ha ragione federica... le paroli forti di questa bella lirica mi riportano a quel quadro... il male non conosce fine... non ha vergogna... solo dolore... Carissima il dolore è una parte di noi ed a volte, come tu dici, si è schiavi del dolore... complimenti stupenda...
    carla
  • Anonimo il 15/09/2011 17:56
    Leggerti e vedere il dipinto famoso, L'Urlo, è stato inderogbile. Un testo di forte impatto, saper trasmettere le proprie sensazioni è un'arte. Lungo applauso.
  • Anonimo il 15/09/2011 17:49
    Ho conosciuto il male
    Che non ha vergogna... solo dolore
    Ho conosciuto me...
    ... pare questa tua opera scritta per me... molto forte e sentita... madame

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0