PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pronto

Telefona il capo
"resta a casa fino a lunedì: sai..."
e dice qualcosa che è
una balla
c'è poco lavoro l'anno della
grande recessione
più grande di quella passata e di
quella passata ancora

Non so se essere contento
o se essere allegro
non so che dire
non so che fare

poso il telefono e guardo
il sole fuori dalla finestra

hanno preparato il piatto e stavolta
si sono mangiate anche le briciole:
non ne potevano più

guardo un uccello volare alto,
sopra i tetti
sbatte le ali, sparisce a balzi
nell'aria

sembra che l'anno cominci bene
sembra che l'anno cominci male
nessuno dice niente
nessuno ha niente da dire.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 02/12/2011 15:18
    diciamo che questa " interruzione " del Capo lascia col morale a terra...
  • Ada Piras il 15/09/2011 22:12
    Più che mancanza di lavoro... che esiste...è la sfiducia a rendere ancor più difficile
    il tutto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0