accedi   |   crea nuovo account

Abbandono dei sensi

Da lunghi sonni febbrili,
da estenuanti attese,
il nostro agognato incontro
è stato preceduto.
Nei miei sogni sei l'oro colato
dall'ala di una farfalla iperveloce;
nella chimica dell'amore,
non si sa se sia io l'elemento
nel quale tu sei compreso
o se forse sia il contrario.
Si spera che nulla sia,
mi auguro
che entrambi possano essere.
Rapidissimo fugge il battito nel polso,
flebile è il serpente di voce
che striscia via dalla mia arida gola;
dunque lentamente
i sensi mi abbandonano.
Resti solo tu a farmi da scudo,
rimani tu a mostrarmi
l'incanto del piccolo mondo.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • lorenzo il 20/06/2014 23:11
    bella. adoro il contrasto tra immagini tenui e aggressive, come quella del serpente. complimenti!
  • antonio chisari il 17/09/2011 12:03
    bella, seppur nella sua semplicità. poesia sincera, quasi un'immagine fatta di parole.
  • Pasquale Bufano il 17/09/2011 00:30
    Grandi amori che immobilizzano i sensi. Mi hai fatto riprovare delle emozioni momentaneamente perdute.
  • luigi granito il 16/09/2011 22:31
    Bella, tua, passionale. Mi piaciono i tuoi versi che descrivono partendo da lontano il tuo incontro