PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le colonie d'Europa

In questa notte, anche la luna, incinta,
resta appannata in una roccia eterna,
come fiume secco che scorre nel ventre
di una collina molle e grufolante,
che sente il galoppo ed il tremito:
uomini sfuggiti all'invito del sole
ed alla chiarezza del cielo azzurro,
orma d'una pietra dura e dormiente.
lasciano che le ossa del cuore sgretolino,
sotto una tempesta di lacrime.
Questo cieco esercito fa precipitare
dalle sagome volanti di anonimi assassini,
goccie di sangue su villaggi e santuari.
In quest'abisso di vanità semimorte,
vite squarciate da una cosmica ferita
s'incontrano sotto la coscia del gigante bianco,
in un un intreccio di mani
imploranti come rovi
la giacenza dei propri morti
nel mare tunisino o sul deserto libico

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 17/09/2011 11:39
    uomini sfuggiti all'invito del sole...
    Molto bella Michele... vite squarciate... sotto la coscia del gigante bianco...
    penso a Tutte le colonie africane... al traffico dei schiavi... allo sfruttamento delle terre in monoculture... a creare frontiere impedendo lo spostamento dei popoli... a creare odi tribali... etcc...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0