accedi   |   crea nuovo account

Disforico

Identità prismatica
riflette i toni dei colori
che l' anima inferma può possedere.
Un volto diviso in quarti
creati da percezioni distorte,
malesseri astratti
che prendono forma
di mostri d'argilla.
le mani immobili
non sferrano attacchi,
disarmate, non sanno difendersi.
occhi basiti rimangono inerti
alla presenza del cupo scenario di una vita non viva.
Lucida - mente si stacca dal corpo,
Fiumi di pillole si perdono, inibendo
la parte violenta di me, inducendo
Viaggi di fuga incosciente
In una apparente dimensione
che disconosce le ore del tempo.
Mi arrendo al mio viaggio senza ritorno
Pensando a giorni felici
Quando ero bimbo,
ignaro del mondo,
un bimbo tra tanti
un ragazzino tra la gente
ignorando il mio peggior nemico
la mia stessa mente.

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • fabius civitilus il 05/10/2011 12:24
    secondo me tutti quelli che l'hanno commentata non sanno cos'è la disforia... i bambini non c'entrano nulla...è solo che l'unico momento in cui è stato "normale" ignaro della sua malattia... a volte penso che commentano tanto per... in tutto questo mi è piaciuta molto...
  • ignazio de michele il 22/09/2011 19:50
    molto vera la chiusa... piaciuta!
  • Aedo il 22/09/2011 13:25
    Spesso l'ossessiva analisi interiore va nelle profondità del nostro io, creando distorte immagini e pensieri non chiari. Solo l'innocenza e la genuinità dell'animo infantile possono ridare il sorriso. Bellissima poesia, Teresa!
  • Claudio il 20/09/2011 11:00
    non c'è niente di più autentico che la gioia che è capace di provare un bambino, diventando adulti purtroppo ce ne dimentichiamo, è vero la mente può esere il nostro nemico peggiore ma può esserci anche amica se impariamo ad amarci per quello che siamo... poesia bellissima, profonda e ricca di spunti bravissima!!!
  • Pasquale Bufano il 18/09/2011 15:13
    Questo mondo fatto di grandi non accetta nessuna diversità, non come possono fare le anime pure dei bambini.
  • Vincenzo Capitanucci il 18/09/2011 10:31
    Un male insopportabile... quando la vite procede in quarti... d'anima... mente.. cuore... corpo... separati fra loro...

    Bellissima Teresa... il grande disgretatore della nostra unità...è spesso la mente umana che ha perso il bambino.. del suo essere... Amore...
  • Anonimo il 17/09/2011 23:31
    Un argomento dai risvolti piscologici molto forti. Brava
  • Anonimo il 17/09/2011 23:17
    molte volte il nostro più grande nemico siamo proprio noi stessi... vera sentita... bella teresa...
  • Anonimo il 17/09/2011 23:13
    Poesia complessa ma significativa e intensa. Brava Teresa

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0