PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Insomnia

Le tue cosce custodiscono il mio membro con la sapienza arcana di generazioni di meretrici.
Lo brami con la lussuria della notte, e l'avidità di una rivelazione.
Quali segreti mi svelerai nel culmine dell'amplesso?
Dolce amata, ti prego...
liberami dallo strazio del mio corpo.

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 07/08/2016 11:43
    Ho motivo di credere che il titolo non sia un errore, fra l'insomma e l'insonnia. Comunque ti faccio i miei complimenti.

2 commenti:

  • Anonimo il 28/09/2011 13:36
    'Azz... Proprio forte, eh? Parole lievi, ma pungenti! Ho apprezzato la parola "amplesso", poco usata (almeno credo...) Bravo, complimenti!
  • vincent corbo il 18/09/2011 08:32
    Bellissimo arazzo da leggere e assaporare come una notte di mezza estate.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0