PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Grazie

In questa sera di fine estate
dalla piazza centrale di Fiesole
in salita per la chiesa di S. Francesco

con la tua compagnia
gentilezza e cortesia
insieme chiacchieriamo

a meta' della salita
dopo minima fatica
siamo seduti sulla panchina

con rispetto ti bacio la guancia
come sorella e tu di rimando
mi carezzi la schiena

dalla parte del cuore, mano leggera
a sfiorare e far sparire ogni dolore
e cosi' per incanto, davanti a noi

e' Firenze con mille e mille luci
e ancora mille e mille luci
giallo arancio, blu,

giallo, bianche, sul rosso
e le case, e i quartieri
che riconosci o intuisci

e la luce del cielo sul blu
e sul viola smog,
come a circondare

quest' arena semimetropolitana
dove esseri da circo
uomini veri o infami

continuano a perpetuare
far niente, dolore, disorientamento
inquietudine per il futuro

amore, e poi lavorano
ma quanti senza far niente
e il loro essere insieme

unico seme che mantiene
brandelli di umanita'
ancora saldi

e ancora allungo il braccio
per sentir il tuo donar compassione
e in silenzio dirti: grazie.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • roberto caterina il 25/09/2011 00:33
    Mi piace questa descrizione di arene semimetropolitane e amicizie in salita.
  • STEFANO ROSSI il 19/09/2011 20:39
    Bella! mi piace davvero. Bella la descrizione di una firenze notturna.
    Grazie a te Raffa
  • Anonimo il 19/09/2011 19:32
    MI piace moltissimo... bellissima davvero! COmplimenti!
  • Anonimo il 19/09/2011 11:12
    Questa tua è tra le tue più belle.
    Molto dolce.
  • Ada Piras il 19/09/2011 11:01
    E'molto molto bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0