PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il giunco

Ho perduto ciò che non ho mai avuto.
Ho lasciato che il cuore mi guidasse.
Ho amato tanto da godere delle innocenti tue pugnalate.
E ora guardo con freddezza il giunco d'argento che eri.
Per me. Creatura impalpabile e statua vittoriosa.

Aurora, t'ha illuminato.
Cupido, t'ha colpito.
Io, t'ho sognato.
E, Cielo!, come è facile a distruggersi un sogno.
Sogni... mi sono adattata a non poter chiedere altro che quelli.

L'animo è turbato
E non più da speranzose palpitazioni.
Non c'è più fuoco.
Tutto è spento.
Ogni cosa è ghiacciata.

È sciocco andare dove porta il cuore.
Da quel luogo non vien fuori altro che dolore.
Io ne sono uscita con un'ombra in più che mi seguiva.
Perché mi torturi, o Angelo Nero?
Mi fai male. E nonostante questo t'amo.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0