accedi   |   crea nuovo account

Come un sirtaki

Mi piacerebbe scrivere
una ballata nuova
non dolce, d'amore
né aspra, di rancore.

Vorrei regalarvi
una ballata allegra
che parli del mare, del sole
di aurore e di tramonti

Sarei felice
di cantarla
insieme a voi
uomini e donne
tutti in girotondo

con le braccia appoggiate
sulle spalle del vicino
al ritmo sostenuto
di un vecchio violino

come un sirtaki
dei nostri cugini
andare e tornare
con piedi veloci

guardarsi negli occhi
scoprirci il sorriso
che dai piedi è salito
per fermarsi nel cuore.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 29/09/2011 07:09
    che bella questa ballata... sarebbe molto bello... complimenti patrizia
  • Ada Piras il 19/09/2011 18:39
    E dai forza scrivila... che poi la balleremo... La poesia è bellissima... Brava!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0