accedi   |   crea nuovo account

Treni

Emblema di un mondo corroso dal tempo,
la stazione raccoglie anime in fuga da qualcosa
che neanche conoscono.
Fratelli di ricerca
e nemici per fretta.
Esseri sospesi
nell'attesa,
accomunati
da sentimenti per l'andare e il venire,
il partire e il tornare,
il lasciare e il riavere.
Viaggiatori su ferree ali terrene
che sfidano tempo e spazio.
Dietro spessi vetri appannati
da sospiri di inquietudine
volti privi di umane fattezze.
Sembrano muoversi.
O forse sono io.
Io,
un altro volto,
un'altra anima,
un'altra fuga.

 

0
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 19/08/2016 08:13
    molto bella complimenti

7 commenti:

  • Yly il 24/09/2011 11:45
    Molto bella... viaggiatori su ferree ali terrene..! Piaciuta tantissimo!
  • Anonimo il 21/09/2011 10:15
    anime in fuga... attese... partire tornare... sfidano pazio e tempo...
    forse non sanno nemmeno loro dove andare e cosa cercare???? molto bella Flavia complimenti
  • Anonimo il 20/09/2011 09:14
    La tua poesiaè molto bella, profonda, fa riflettere. Complimenti!
  • Attanasio D'Agostino il 19/09/2011 23:48
    il treno dei desideri... è profonda riflesione
    mi piace, un caro saluto Tanà.
  • Aedo il 19/09/2011 23:18
    Poesia bellissima, affascinante: tutti noi siamo o vorremmo essere su un treno, destinato verso le mete agognate e impossibili dei sogni infranti. Bravissima!
    Ignazio
  • Anonimo il 19/09/2011 21:27
    Poesia che invita a profonda riflessione.
  • luigi granito il 19/09/2011 21:21
    È sempre un po magico partire, salire su untreno e immaginare che possa portarci in capo al modo. Il treno è fretta, ma una volta saliti il treno è tranquillità , uno scorrere senza fretta del tempo e del mondo. La tua poesia per un attimo mi ha fatto prendere quel treno, forse su c eri anche tu. Bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0