username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Nello spazio

In un angolo perduto
di una via solitaria
o nello spazio siderale
tra una stella in bilico
e un pianeta privo di vita
mi ritrovo
a raccogliere i fili
di pensieri senza fine o principio,
le emozioni di un tempo colorato
quando una voce soave
sussurrava nell'anima
le dolci note di una sinfonia
struggente e malinconica...
i ricordi perdono le sfumature
e rimane solo il volo di un aquilone
che si allontana veloce
dallo sguardo proteso verso
un impossibile infinito
mentre percepisci il vuoto nel cuore...

Sono stato abbandonato
attraverso lo spazio siderale
in un mondo disabitato
senza gocce di vita.
Chi verrà a salvarmi?

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • laila il 13/12/2012 20:40
    il timore dell'abbandono di perdersi e' comune nell'essere umano. bella

26 commenti:

  • Emiliana De Fortis il 27/12/2012 22:59
    Questa devo dire mi piace, davvero bella.
    Qui non c'è la tua solita corsa... il ritmo si è fatto più lento, le parole si distinguono di più.
    Più la leggo e più mi piace, anzi è bellissima. Bravo!

  • vania antenucci il 09/03/2012 22:42
    Caro Ignazio soave la tua maliconia, bella ben scritta, complimenti ti abbraccio
  • Enrico Ravetta il 03/12/2011 01:06
    IO e non-IO... profonda, bellissima!!
  • - Giama - il 26/11/2011 23:29
    Due concetti mi appaiono: spazio e vuoto, distinti; lo spazio siamo noi ed è in noi, tanto più sconosciuto, immenso, quanto più cerchiamo dentro di noi le risposte. il vuoto è quello che vogliamo colmare con le risposte cercate. Penso sia comune a tutti questo processo di crescita, che dovrebbe portare all'equilibrio, all'armonia interiore... Solo quando completeremo questa crescita domineremo noi stessi e non avremo vuoto da colmare! complimenti per la splendida opera, scusa per la mia divagazione...
    Un caro saluto!
    Giacomo
  • Anonimo il 31/10/2011 15:35
    che meraviglia... l'interrogativo finale credo abbia valore universale...
  • Kartika Blue il 16/10/2011 22:24
    toccante e profonda! ogni tua poesia è un prezioso gioiello!
  • Dora Forino il 04/10/2011 12:27
    Raccolgo queste note struggenti, e in un abbraccio virtuale, ti sono vicino.
    Passera!
    Buona vita!
  • Anonimo il 01/10/2011 15:24
    Già... chi? Conosco la sensazione che i versi esprimono con nitida chiarezza, proiettando la situazione d'abbandono in uno spazio siderale, in una dimensione fantastica... oppure realistica? Bella davvero amico mio.
    Ciao. Alarìco
  • Cinzia Gargiulo il 30/09/2011 22:56
    Poesia intensa e profonda come tutte le tue, bellisima anche se triste... ma non ti senti abbandonato vero?... Io ci sono...
    Un abbraccio...
  • Alessandro Guerritore il 28/09/2011 21:54
    Molto bella la richiesta di chi verrà a salvarmi.
    All'orizzonte grande fiducia.
  • angela testa il 28/09/2011 19:35
    Guarda quanti amici... non sentirti solo... siamo in tanti a salvarti... io ti lascio un abbraccio virtuale ma sincero... forza amico... la serenita nel cuore e molto importante... leggi i commenti... affettuosi... complimenti una scrittura che ti coinvolge...
  • rosanna gazzaniga il 27/09/2011 20:09
    Una magnifica chiusa a versi che coinvolgono con la loro profonda malinconia. Il tempo scorre, e lascia solo tracce di vita, a volte così lievi! La salvezza arriverà solo dalla capacità di ritrovare ricordi belli e accantonare quelli dolorosi. Emozionante poesia!
  • Ilaria Tringali il 27/09/2011 18:21
    ritrovarsi soli è decisamente malinconico, ma non è del tutto distruttivo, potrebbe essere un buon momento per poter riflettere, ma solo non rimarrà mai... noi siamo qui sempre, complimenti
  • nicoletta spina il 25/09/2011 22:44
    Malinconica, nostalgica e molto bella e profonda come la tua anima.
    Trasmette emozioni che a volte tutti proviamo e la richiesta salvifica tutti gli amici la accolgono col cuore... io per prima. Complimenti, mio dolce amico.
  • Michelangelo Cervellera il 25/09/2011 20:40
    Ci salveremo insieme scrivendo e condividendo i nostri pensieri.
    Bravo Ignazio, bella poesia.
    Michelangelo
  • Giacomo Scimonelli il 25/09/2011 11:29
    ''... Sono stato abbandonato
    attraverso lo spazio siderale
    in un mondo disabitato
    senza gocce di vita.
    Chi verrà a salvarmi?''

    versi dove prevale la tristezza e la malinconia... versi che arrivano al cuore del lettore...è molto bella la tua opera
  • Bruno Briasco il 25/09/2011 10:22
    Triste ma decisamente bella. Chi verrà a salvarti?
    Sei fortunatissimo se affianco hai un amico sincero che ti possa stare vicino e aiuarti... non campartiti, bada, aiutarti. Un abbraccio carissimo e..., anche se virtualmente, sai che io ci sono. Se vuoi scrivimi sarò ben lieto di starti a sentire... anche questo è un modo per starti vicino
  • lidia filippi il 24/09/2011 18:08
    Bellissima poesia, velata di sfumute dettate dall'animo triste e solo. Descrivi attraverso metafore molto efficaci il senso di abbandono e il desiderio che qualcuno tenda una mano nei momenti di sconforto. Complimenti!
  • michela salzillo il 22/09/2011 19:31
    Bellissima. Qualcuno verrà a salvarti, un'altra voce soave conoscerai... Complimentoni!!
  • Dolce Sorriso il 22/09/2011 16:09
    siamo in tanti a salvarti... dolcissimo e grande poeta... bellissima.
  • Anonimo il 22/09/2011 16:07
    ecco un'altra perla... bella Ignazio... turbillon di sentimenti... sperduto lontano in un pianeta privo di vita... ti ritrovi a raccogliere fili, ai quali sono legati pensieri senza inizio o fine... emozioni sensazioni di un tempo passato che tu conservi in un posto isolato da tutti... sfumature di colori si perdono in un aquilone che si allontana dandoti la sensazione di vuoto nel cuore... solo in mondo senza vita... nessuno sa che sei lì... chi avvertirà la tua solitudine???
    metafore allegorie... bellissima magistrale lirica un abbraccio e complimenti carla
  • teresa... il 21/09/2011 21:47
    ti salverò io ignis. poesia profonda che racchiude in se il tempo trascorso, il tempo che passa quello che perde le sfumature e non cerca di ricostituirle. pensieri che non hanno fine e principio. uno spazio disabitato, nel mio modo di sentire questo spazio di cui parli è solitudine, donna con la quale prima o poi tutti dobbiamo confrontarci e non credo uccida anzi credo che talvolta rafforzi. in questo spazio grazie alle tue poesie ed alla tua sensibilità non potrai mai sentirti solo. BACI grandi bravo come sempre
  • loretta margherita citarei il 21/09/2011 21:40
    sempre splendide ed intense le tue
  • Anonimo il 21/09/2011 20:45
    Sensazioni profonde che solo un animo sensibile riesce a provare. Percepire il vuoto è come avere avuto la conoscenza del pieno e aspirare a ritrovarla.
  • Anonimo il 21/09/2011 19:50
    Poesia molto bella e significativa. La domanda posta nella tua chiusa, siamo in molti a farcela. Bravissimo!
  • Artemisia artemisia il 21/09/2011 19:38
    poesia intimista, mi pare pervasa da una sorta di pessimismo se non proprio leopardiano, direi molto forte, ma poi, nella richiesta di salvezza leggo la speranza.
    Ancora una volta un'opera significativa e molto interiore, direi matura che colpisce l'anima per le magnifiche collocazioni dei luoghi della solitudine che, se anche angusti si dilatano all'infinito.
    Poesia triste e bella non inferiore alle altre da te pubblicate.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0