PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non posso

Non posso,
questa é l'impronta ultima
del mio pensare,
fugace realtà di questo
inferno irreale;
attimo che mi riservo per
comprendere;
alba dell'ultimo sole.
Non so che volto abbia il
destino, non so chi l'abbia
partorito: inverno o pianto,
non so come né quando.
Ma é qui, senza materia e
mi tocca. Tiranno d'ogni
secolo, Universo.
Ed io, ala perduta, vittima
della notte travolgente,
mi sento parte pura del
terrore, del limite umano.
E, insieme a me, la
consapevolezza si sparpaglia
in lacrime di voci, cariche
di chiassoso silenzio.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • maria angela carosia il 20/04/2016 17:45
    Concordo pienamente il commento che mi ha preceduta
  • Anonimo il 22/09/2011 10:42
    Luana, ho appena avuto il piacere di leggere questo tuo nuovo componimento, e ne sono rimasta rapita. A parte il messaggio inviato al lettore attraverso di esso, l'assonanza fra le parole e l'armonia dei versi lo rendono un piccolo capolavoro di scrittura. Come ben sai, io ho una particolare predilezione per le parole e per il loro suono, e il suono di questa tua poesia è uno di quelli che si fatica a dimenticare. Come una rosa spogliata dei petali, di cui rimane, visibile a tutti, l'anima chiusa in se stessa.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0