PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mio padre

A volte penso a mio padre
ai giorni di vita insieme che ci siamo persi da quando e' andato via
alle cose che non abbiamo fatto in tempo a dirci
ai ti voglio bene scontati e timidi che sono rimasti
in quello spazio interminabile tra la il battito del cuore
e il suono di alcune parole che il cuore chiede di fare uscire

Penso al suono della sua voce
e ad occhi chiusi la percepisco ancora come fosse qui

Poi li apro e lo cerco nei suoi spazi
cerco i suoi passi
l'aria del suo corpo in movimento
quella gestualità pensierosa
e quel fare affabile da giovane con i capelli bianchi

Non c'è eppure lo avverto
perché c'è sempre stato
perché c'era prima di me
perché senza di lui non ci sarei stata mai io
perché qualcosa di me inevitabilmente gli somiglia
perché mi manca e non posso dirglielo

Posso solo pensarlo e capire
solo adesso che non c'è più
quanto sia stato importante per me...

Sarebbe stato troppo facile e scontato
afferrare questo pensiero prima
quando potevo dirglielo ogni giorno
anche se so che lui lo ha sempre saputo
perché e' sempre stato più avanti di me

Lui era avanti... io sono arrivata sempre dopo...
come nel corso naturale delle cose
semplicemente perchè lui era...
mio padre

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Verbena il 08/09/2014 12:42
    Molto, molto bella, emozionante, forte e delicata ad un tempo. Brava, invidio la paternità che hai vissuto.
  • Anonimo il 22/09/2011 22:55
    Pensieri espressi molto bene che riescono a trasmettere al lettore il coinvolgimento emotivo dello scrittore, coinvolgendolo a sua volta. Piaciuta.
  • Anonimo il 22/09/2011 22:38
    Poesia sentitissima. La chiusa mi ha fatto venire i brividi. Brava.
  • Michelangelo Cervellera il 22/09/2011 22:00
    Sarebbe stato troppo facile e scontato
    afferrare questo pensiero prima
    quando potevo dirglielo ogni giorno...
    Si sarebbe stato troppo facile e che ci pensiamo troppo spesso dopo.
    Brava Anna,
    Michelangelo
    Mi piace, mi ricorda le cose non dette ai miei genitori, forse perchè li pensavamo "vecchi"
  • Ada Piras il 22/09/2011 21:28
    Molto bella Anna... l'ultima strofa bellissima.
  • anna rita pincopallo il 22/09/2011 20:41
    semplicemente splendida leggendola mi sono commossa brava
  • Francesca La Torre il 22/09/2011 19:10
    stupenda, ben scritta, sincera, autentica, si legge solo amore. Complimenti, piaciuta molto!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0