accedi   |   crea nuovo account

Signora Ombretta

Silenziosa figura
accucciata su un gradino
guardi intorno
senza chiedere.
Sconosciuti passano
e, distratti, non ti vedono.
Eppure un cuore batte
Eppure un sorriso doni.
Mesti occhi incrociano
volti indifferenti,
e mani abbandonate
sul grembo ti fanno,
alla tua sorte, rassegnata.
Ma oggi mi hai guardato
come una madre
risveglia il suo bimbo
ed ho colto in te,
anima sconosciuta,
una tenerezza
e mute parole
che invece hanno consolato
la mia malinconia.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • augusto villa il 23/07/2007 21:46
    Bellissimo quadro, molto ben scritta... Profonda. Complimenti.
  • ENZO FALBO il 31/05/2007 12:42
    I tuoi occhi, sopratutto quelli del cuore, colgono le cose che per gli altri rimangono invisibili
  • Anonimo il 23/05/2007 23:08
    Complimenti Mariella, malinconia del sentirsi invisibili agli occhi delle persone che indifferenti passano senza curarsi di ciò che c'è intorno, fino a quando sono sconosciuti si può anche accettare, ma quando sono persone che hai vicino tutti i giorni,è un po' più dura da digerire. Brava
  • Sabrina Del Prete il 23/05/2007 17:17
    molto toccante
  • ciro la ferola il 23/05/2007 02:38
    Davvero risveglia qualche riflessione che altrimenti si lascerebbe placare da sola e dimenticare. Mi piace molto. P. S. Sono largamente lusingato del commento che hai lasciato alla mia "Notte vedova del sud" Sai, io nn ho mai aperto un libro in vita mia, se nn negli ulimi periodi per l'università e sentirmi dire che ne capisco di poesia mi dà forza per continuare nei miei intenti. Grazie e cia,
    Ciro.
  • Anonimo il 22/05/2007 16:02
    Ciao... grazie per il tuo gentile commento. Scrivi in un modo tranquillo e posato... dove è un piacere perdersi. Un bacio...
  • roberto mestrone il 21/05/2007 11:32
    Ritratto ben dipinto di una solitudine silenziosa...
    Brava Mariella...!
    Ro
  • Carmela Di Giovanni il 21/05/2007 11:27
    Deliziosa e sentita poesia. La solitudine è una brutta bestia, gli anziani non bisogna lasciarli mai da soli. Da genitori sono oggi maestri di vita. Bella poesia, complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0