PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ritorno a casa

Nelle pozze lucide di pioggia
che il piede vigile scarta
la notte affonda i suoi lumi,
il passo furtivo gorgoglia
al ritmo del fiume
che un ponte frantuma
e ripiana alle spalle.
Il fiato rotto condensa
nell'aria adamantina,
le stelle fanno da trapunto
sulla tastiera del cielo.

E'inverno sui platani
lunge s'addensa la tempesta
(pirotecnica festa)
al tempo che incalza furioso
chiudiamo la porta del cuore.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • rosanna gazzaniga il 27/09/2011 20:02
    Immagini molto belle!... Al tempo che incalza furioso chiudiamo la porta del cuore... Notevole metafora, complimenti!
  • loretta margherita citarei il 23/09/2011 18:37
    piaciuta molto complimenti
  • Flavia Castelli il 23/09/2011 12:31
    Veramente molto bella: belle immagini che descrivono liricamente l'atmosfera delle notti invernali. viene da stringersi nel cappotto...
  • Ettore Vita il 23/09/2011 12:02
    Un cumulo, un tumulto di pensieri.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0