PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Olga, Sonia e i poeti

Ma Sonia mi chiese se Olga
fosse lei l'immortale
tra le fantasie
conosciute d'estate
sui fiumi siberiani...

Strana collera...

Pensò il poeta che Sonia
fosse una ninfa
con un po' di burn out
una ninfa che lavorava
tanto...

Strana collera...
Olga sapeva giocare con i poeti
e sorridere con i marinai
ad Odessa
perché sembrerebbe
che la rivoluzione si fosse fermata lì...
E accarezzava il capo rugoso
di chi vedeva e sentiva
Per essere
liberi si può stare
vicini
sì, ma non molto
e non per troppo...
Per essere immortali
bisogna ascoltare le parole
che si trovano sulla via
della Montagna ad Ovest...
Per essere immortali
bisogna ascoltarle
ma non comprenderle...

E Sonia invece
aveva compreso
anche troppo..

Sapeva Sonia
che non si può sperare
di essere reali quando
tutti lo vogliono
quando tutti chiedono
chi sei?
La poesia deve avere le sue regole...

Ma chiedere di esistere per fare un piacere
agli orsi di collina che tagliano le parole con denti aguzzi
è - sembra - una strada troppo lunga

Strana collera...
Olga sorrise vuotò il calice di vino
e apprezzò il silenzio del poeta
Chi ama sa stare
senza parole
Capisce che gli immortali soffrono
anche se sono senza regole

Strana collera
perché Olga e i poeti hanno il coraggio di giocare
in riva ai fiumi
e ai porti
dove le canzoni
variano nel pitch come rondini
allegre...

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • roberto caterina il 25/09/2011 02:38
    Sì Raffaele, non è facile: il tutto è nato da un'idea di due donne che affiancano un poeta, dalla loro gelosia e dalla loro ira. Quale di queste donne è reale..? Apparentemente Sonia che segue regole conosciute, ma poi a poco alla volta Olga acquista uno spessore nuovo. La conoscenza delle persone e della poesia si sottrae talvolta alle regole, così come la modulazione delle nostre emozioni..
  • Raffaele Arena il 25/09/2011 01:38
    Bhe, meriterebbe un tuo commento personale, una tua riflessione, pero' bella, originale, criptata... da non decriptare e assaporare cosi'
  • loretta margherita citarei il 23/09/2011 18:34
    molto originale piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0