PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tempi moderni

Homo Sapiens e Homo Erectus
assopiti sotto cieli di scarti
e immondizia siderale
e scie d'amianto solcano la notte
con risate d'arroganza.

Cerbero latra e sbava:
veleno radioattivo ammorba l'inferno:
nevica morte, Caronte ghigna,
le anime dannate se ne vanno per sfratto
e mille diavoli disoccupati ammassano frattaglie
sulla soglia del mondo.

 

2
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • vasily biserov il 25/03/2012 13:47
    Dura visione della realtà, d'altronde cosa possiamo sperare? bravo!!
  • Stefano Milighetti il 05/03/2012 20:23
    Grazie Elisa!!!
  • ELISA DURANTE il 19/01/2012 17:53
    Un'atmosfera da fantascienza, sembrerebbe. Ripeto, sembrerebbe...
  • Anonimo il 18/12/2011 14:39
    adesso che la rileggo, sinceramente una delle poesie più belle che ho letto in questo sito!
  • Stefano Milighetti il 18/12/2011 13:39
    Grazie a tutti!!!
  • Anonimo il 15/11/2011 19:40
    mi piace per per lo stile e la sua originalità. Complimienti!
  • Teresa Tripodi il 15/11/2011 18:08
    molto bella davvero possente...
  • loretta margherita citarei il 23/09/2011 18:30
    originale , bella poesia
  • Anonimo il 23/09/2011 14:14
    Bella! Originale davvero, una compentrazioni di antico, mitologico e moderno, futuristico, intensa, il lessico è ben scelto, efficace!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0