PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

nonni dimenticati

Dovreste un giorno andare
dove i vecchi la loro fine vanno ad aspettare,
giardinitutti cintati
dall'esterno alla visine celati,
dove, un giono
amati e attesi,
ora solo pesi
stanno ad aspettare qualcuno con cui parlare.
Sulle sedie e poltrone seduti
e all'apparenza con sguardi perduti,
perduti nei loro pensieri,
e sono prigionieri,
anche se senza catene,
qui stanno espiando le loro pene.
Le genti a loro care,
si fan vive solo a pagare,
e la coscienza placare.
Alla fine della loro vita,
nemmeno una mano amica,
li sta accarezzare.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • lory giacobbe il 22/05/2007 09:55
    Sabrina, fortunatamente, non per tutti gli anziani, la vita presenta questa prospettiva, ma per tanti credimi e' cosi'. I tuoi nonni sono molto fortunati
  • antonella ninni il 22/05/2007 02:28
    è vero a volte vengono proprio abbandonati come degli stracci vecchi.. bravissima
  • antonella ninni il 22/05/2007 02:27
    è vero a volte vengono proprio abbandonati come degli stracci vecchi.. bravissima
  • sabrina pieraccioni il 22/05/2007 01:20
    bella i miei nonni non ci sono piu... ma saranno sempre dentro di me...
  • laura cuppone il 22/05/2007 00:05
    tesori inestimabili... deboli come bambini, forti come quercie... approvo!!! L

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0