PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lei

e la tua mente prigioniera
di una follia non follia
hai cercato la verità
non ti sei accontentata del sapere altrui
hai voluto constatare da te
quel che era stato
come se quell'inferma fosse stata la tua mamma.
Come un edera sei legata ad essa,
ed hai chiesto ed ottenuto.
Cosa fai ora fuori di quelle porte?
Cerchi ancora di lei
Cerchi ancora risposte?
Ti voglio bene mente folle,
di una follia perdonabile
non una ma mille volte
ed ancora mille altre volte.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 27/09/2011 20:23
    Amo anch'io le menti folli.
  • Giacomo Scimonelli il 27/09/2011 17:59
    ''... Come un edera sei legata ad essa,
    ed hai chiesto ed ottenuto.
    Cosa fai ora fuori di quelle porte?
    Cerchi ancora di lei
    Cerchi ancora risposte?
    Ti voglio bene mente folle,
    di una follia perdonabile
    non una ma mille volte
    ed ancora mille altre volte.''
    molto bella e ben stilata
  • mario durante il 27/09/2011 17:40
    Si intravedono sofferenze irrazionali, difficili da accettare e descritte con sensibile poetare.
    Brava, saluti, Mario.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0