PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il lampo dell'esistere

I bambini non piangono più
e neppure sorridono
non possono farlo
che un adulto interviene
e guasta il naturale flusso
d'istinto emozionale

Non hanno più
i bambini
il senso dell'infanzia
il non senso dovrei dire
quello dell'incantarsi
la possibilità della scoperta
della sorpresa o della delusione

Attaccati da un sociale dissociato
inflitti a pene non richieste
sommersi da scorie
lampi di monitor
globalizzazioni preconcette

Divisi da destini paralleli
produttori
fruitori d'immondizia
i bambini non hanno più
il senso del gioco
e sembrano brutte copie di noi
abbruttiti dal terrore di invecchiare

I bambini custodiscono un segreto
nel loro intimo profondo e luminoso
il sogno e la conservazione della specie
il lampo dell'esistere
e l'amore.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • stella luce il 04/10/2011 12:27
    ops una voleva essere "è"
  • stella luce il 04/10/2011 12:26
    cara Laura questa una quella che qui da me lo scorso anno è stata definita "Emergenza Educativa" ne abbiamo parlato e discusso tanto... hai ragione spesso noi genitori dimentichiamo che i nostri figli sono bambini e vogliamo che crescano presto, non vogliamo che soffrano, che provino dolore e che conoscano la morte, gli si nasconte tutto... io non sono perfetta anze imperfetta tra gli imperfetti, ma di una cosa credo di poter andare fiera dei miei bambini, e quando mi accusano di trattarli troppo da bambini io rispondo "Cresceranno cresceranno e se ne andranno ed allora li tratterò da adulti" per adesso (vanno ancora alle elementari) giocano da bambini guardano cose da bambini, i no arrivano ed anche le punizioni sempre spiegate e motivate, alle volte si trovano compromessi alle volte eh sì si cede... certo devo ammetterlo quando alla sera li metto a letto rigorosamente alle 21 perchè al mattino vi è la scuola, tiro un sospiro di sollievo ed è in quel momento che capisco che mi fanno impazzire ma sono la mia vita... scusatemi tutti per lo spazio accupato
  • laura cuppone il 30/09/2011 09:51
    Scusate i refusi
  • laura cuppone il 30/09/2011 09:49
    Stella... amici...
    Non sono madre ma osservatrice e sicuramente, come tale, parlo in modo del tutto imparziale di qualcosa che posso solo da lontano constatare.
    La mia "durezza" scaturisce da ciò che vedo e sento intorno.
    È naturale che non tutti i bimbi vengono tirati su così, come non tutti i genitori sono così,
    ma la maggior parte delle persone tende oggi ad 'evitare' il minimo fastidio e piccolo dolore per i propri figli, impedendo così il naturale corso delle cose.
    Nom esistono i No, ma accomodanti compromessi e questo e dannoso per un bambino a mio parere.
    Non mi permetto di giudicare né tantomeno di semplificare.
    Vedo solo rapporti 'alla pari' con persone piccole e non rapporti genitore-figlio con bambini.
    Vedo lasciare i figli sempre più da soli perché crescano con gli strumenti(parola orrenda) che hanno(tv, pc, ...) strumenti diseducativi che loro prendono a modello e imitano...
    Se si ha una domenica a disposizione si va tutti insieme... al centro commerciale!!!!! E altre situazioni simili...

    Beh.. mi sembra siano ovvie le conseguenze del non ascolto e non dialogo poi, no???

    Ringrazio tutti per i commenti e la comprensione.

    Laura
  • denny red. il 30/09/2011 07:55
    e Brava Laura C., piaciuta questa tua.. sono pochi i genitori che san fare i genitori.. col tempo giusto e le attenzioni giuste... e cosi succede che.. i bambini non sanno più giocare.. un bel bel scritto!!! Brava!!!!

  • tania rybak il 29/09/2011 22:54
    verissimi e bellissimi versi, per quanto dolorosi, condivisi... brava
  • Giacomo Scimonelli il 29/09/2011 22:53
    ''... Divisi da destini paralleli
    produttori
    fruitori d'immondizia
    i bambini non hanno più
    il senso del gioco
    e sembrano brutte copie di noi
    abbruttiti dal terrore di invecchiare...''

    versi condivisibili... e ben stilati
  • Anonimo il 29/09/2011 19:28
    Condivido il tuo pensiero... e la tua poesia è molto bella.

    Brava
  • Ada Piras il 29/09/2011 17:00
    Abbastanza reale... Brava
  • loretta margherita citarei il 29/09/2011 16:09
    verissimo amica mia condivido ottima poesia
  • stella luce il 29/09/2011 15:10
    versi molto forti che da madre mi hanno molto colpita... i bambimi in questo modo vanno protetti e custoditi, tutti giocano sulle loro emozioni sono potenziali clienti di questo mondo orrendo, per cui li si fa crescere ancora prima che siano grandi... ma se li sappiamo proteggere e custodire ci renderemo conto di quanto il loro animo sia puro, sensibile, lontano da odi e divisioni, quella natura che anche noi avevamo ma che ora abbiamo perso... i bambimi sono il futuro ma questo mondo li sta per la maggior parte rovinando... i bambini sono bambini e devono vivere da bambini... bellissimi versi i tuoi..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0