accedi   |   crea nuovo account

Nuova Argilla

Immergo le mie mani nel fango della vita
scarto con coraggio i successi e le sconfitte
modello nuovi occhi per vedere dentro di me
nuove mani per accarezzare accecanti sfumature
nuovi piedi per saltare graziosamente tutti gli ostacoli
una nuova testa per pensare dolci tramonti di aspre albe
quello che nasce ora sono solo potenzialità
una vela per imbrigliare tutti i venti del destino

cosa resta?

il timone della volontà, mio per sempre

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • salvatore maurici il 27/10/2012 23:03
    Nuova argilla presuppone che ce ne sia stata una vecchia, la crita antica, che nel vissuto popolare aveva consistenza e più forza della nuova appunto. Spesso il desiderio del nuovo è una fuga, necessaria ma certo la soluzione non è scontata. Il componimento invece è nuova speranza e nuova energia. Bella poesia.

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0