PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Inutili voci

parlare, parlare e parlare ancora
di tutto esce da quelle bocche amare
dove la realtà più vera è quella delle fiabe

avete bisogno di sentirvi liberi
di esistere con folli presunzioni
e biasimate ciò che viene prima dell'attimo

realizzerete i vostri sogni
in preda all'illusione di essere stati qualcosa
senza pensare mai al nulla che vi osserva

che voi non vedete signori
silenziosi e tranquilli
dalle finestre opache delle vostre coscienze

ma quando la città inizierà a dormire
nell'uscire allo scoperto
verranno alla mente motivi assenti

in cui ricorderò rotte deviate
in anfratti bui e soffitte piene di ricordi
se la memoria terrà a lungo

prima di trasformare ciò che rimarrà
nella chiave per l'anticamera dell'inferno
stanziandomi verso in niente

in maniera precisa, attenta e rigorosa
proprio per confondere tutto
vedere i vostri volti da lontano e dimenticare

senza pensare a voi come persone o coscienze
ma innescando meccanismi anche fatali
riportando alla mente ciò che è irrazionale.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0