accedi   |   crea nuovo account

Eppur mi ricordavo un Settembre diverso

Eppur mi ricordavo un settembre diverso,
con scale di marroni esilaranti.

Eppur mi ricordavo fogliame per terra,
Ove scolaretti vestiti tutti di blu vi si buttano spensieratamente.

Bho!

Eppur mi ricordavo tramonti incredibili
ancor prima di cena

Odore di carta non ancora sfogliata.

Odore di castagne nelle strade.

Tiepide giornate.

Settembre pare abbia divorziato dall'autunno,
già da parecchi anni ormai.

E, pare proprio, che si stia facendo scopare da una calda e afosa amante
che, anno dopo anno, ce lo porta via,
bruciandocelo lentamente.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • STEFANO ROSSI il 12/10/2011 11:04
    e ovviamente grazie a tutti gli altri...
  • STEFANO ROSSI il 12/10/2011 11:03
    Grazi Raffa!
  • Raffaele Arena il 10/10/2011 22:49
    Questa e' davvero potente. Abbiamo una biosfera purtroppo ridotta a un groviera! Poveri noi, che siamo i topi da cavia!!!!
  • Flavia Castelli il 09/10/2011 10:13
    vero! manca anche a me...
  • Agata Gatti il 07/10/2011 23:49
    Esattamente! Molto bella.
  • Anonimo il 06/10/2011 21:36
    Poesia un po' diversa dalle solite... mi piace molto e condivido il tuo pensiero.
  • STEFANO ROSSI il 06/10/2011 13:35
    grazie mille MIchela e Carla.
  • michela salzillo il 04/10/2011 22:05
    Poesia molto originale :Sia per la scelta del tema, che nella composizione. Piaciuta!
  • Anonimo il 04/10/2011 16:28
    bellissima questa poesia stefano... nostalgia di stagioni che ora non ci sono più...
    complimenti carla
  • STEFANO ROSSI il 01/10/2011 11:33
    Grazie a tutti!! Non ne posso più dell'estate e del suo stra-maledetto caldo... voglio l'autunno...
  • Anonimo il 30/09/2011 20:31
    Ahah! Le stagioni non sono più quelle di una volta Un saluto!
  • Anonimo il 30/09/2011 20:17
    Un'estate infinita... Ma minghia! Vogliamo anche l'autunno! Con le castagne, le sue sfumature, la sua atmosfera... Detto questo: sei bravo... Molto bravo
  • Anonimo il 30/09/2011 15:52
    MI piace molto... una poesia che fa vivere questa stagione a Firenze...
  • Ada Piras il 30/09/2011 14:40
    E metà autunno ed estate... per quello non è sempre uguale... ma diverso.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0