accedi   |   crea nuovo account

La jena

c'era na vorta na Jena invidiosa
che nun riuscenno a diventà la sposa
der Leone gran Re de la foresta
quanno venne a sapè che un antra jena
se strusciava cor Re ner dopocena
se indaffarò pe comincià un 'inchiesta
e dimostrà che quela concorrente
era na jena si, ma era indecente

ma poi visto ch'er Re se ne fregava
de tutta quela giostra
se sposò un Lupo er quale reclamava
dicenno a tutti: - la foresta è nostra! -

p'ajutà er Lupo a fa la propaganda
la jena quindi uscì a strillà a l'aperto:
- er re p'amante cià na gran mignotta!
ed un re che comanda nun po' certo
perde de dignità co sta condotta! -

fu così che parlato cor Cavallo
provò a convince puro l'Elefante
ch'essendo un ber gigante
j'annava brutto dovè fa er vassallo
e dopo incontrò er Cane insieme ar Gatto
coi quali fece un patto
poi così andò da l'Orsi
e poi da li cinghiali..
quanno inzomma finì co li discorsi
ciaveva in pugno tutti l'animali...

er Re Leone ch'ormai era isolato
fuggì solo p'un isola lontana
mentre l'amante de quer disgraziato
arzò velocemente la sottana
di fronte ar novo Re
che l'invitò na sera a la sua tana

lei diventò Regina essendo moje
ufficiale der Lupo e poi se dice
che in realtà fu vera Imperatrice
de un regno pieno zeppo de gran troje

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 07/10/2011 12:34
    Bella morale. Ben scritta e piaciuta.
  • Giacomo Scimonelli il 01/10/2011 14:48
    poesia originale ma ben stilata... piaciuta
  • Diana Moretti il 30/09/2011 23:01
    veramente spassosa.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0