PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Solitaria selva

Confesso una quieta grandezza,
ma muoio lentamente
per ubriachi echi che
mi avvelenano la vita.
E mi inoltro nella sera
di una foresta,
una luna strabica e
vanitosa mi guida.
Il mio cuore si bea di
una sobria malinconia,
mentre questa solitaria
selva nessuna orrida
belva cela.
I suoi figli nel
silenzio dell'attesa
sonnecchiano fiduciosi e
la virtù giace nell'ombra di
alberi in fiore.
L'inquieta anima
dei mantelli rugiadosi
mi abbraccia in un
sonno di morte,
là dove le vele cadono
in uno straniero mare.
Ma io non sono né una
dea né una bestia e
torno a viaggiare tra
le acque di Caronte.
Illacrimata rosa mi spetterà
tra i vili uomini del mio secolo.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 02/10/2011 06:37
    Poco o nulla ha più valore della pace interiore, è come vivere un giorno senza sole o mangiare un piatto senza sale.
  • Anonimo il 01/10/2011 21:01
    Luana, non sai quanto io senta dentro questa tua poesia! È il tormento dell'anima, grido silente di chi, nella selva, si trova a camminare da solo. Non c'è luce, la luna è lontana, e il giorno ancora di più! Leggendola, l'immagine che mi ha trasmesso è una di smarrimento e confusione; nulla si riconosce di ciò che si vorrebbe vedere; solo se stessi e un'anima in tumulto.
  • Salvatore Maucieri il 01/10/2011 19:08
    Bella, ben ritmata. In bocca al lupo Luana. Ciaoooooooooooooo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0