PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dipinto ad olio

il treno è partito veloce!
più veloce dei tuo occhi
è troppo tempo che non corri indietro
è troppo tempo che non mi guardi più
il signore della solitudine
sta scavando troppe fosse
maschera il suo sorriso
con le mani o con la tosse
ma se bastasse un sogno
per ricostruire la dolcezza
ci proverei ogni notte
magari ci proveresti anche tu
il treno è scappato troppo in fretta!
più veloce della nostra rabbia
è troppo tempo che non la prendi in mano
è troppo tempo che non la stringi più
ma se bastasse stringersi più forte
ma se bastasse pensare un po' più dolce
io morirei provandoci
ma sono certo che non moriresti tu
il treno ha cantato troppo forte!
più forte delle mie parole
è troppo tempo che non scrivo
è troppo tempo che non ti dipingo più
ma se bastassero colori ad olio
per ricordarmi del tuo viso
mi colorerei anche il cuore
mi colorerei le mani come volevi tu
il treno è deragliato troppo presto!
il treno sta camminando a testa in giù
capovolto come il nostro amore
sconvolto come il nostro cuore
ma se potessi riavvolgere i nostri giorni
li riporterei all'inizio
cancellerei le mie bugie come vorresti tu
è troppo tempo che non ti leggo negli occhi
è troppo tempo che non ti riconosco più

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • mariateresa morry il 04/10/2011 00:04
    Ho letto il testo tutto d'un fiato... sei bravo... ma lo sei perchè davvero hai provato quello che hai scritto.. nessuno può inventare un sentimento, nè descriverlo, se non lo vive a fondo... mi è piaciuta molto. Ciao
  • cristiano comelli il 02/10/2011 21:20
    La sua poesia, con quell'anaforico e ben congegnato "è troppo tempo", ci insegna l'imposrtanza di saperlo prendere per mano, senza paure e senza nasconderci, per farlo diventare nostro alleato. Per non trasformarlo invece nel più lacerante complice dei nostri rimpianti. Buona poesia.
  • Anonimo il 02/10/2011 20:21
    La vita purtroppo, è come un'auto a cui hanno dimenticato di mettere la retromarcia, possiamo andare avanti, spingerci avanti, mentre guardarci indietro forse, serve solo a scoprire se abbiamo imparato abbastanza.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0