accedi   |   crea nuovo account

Isolitudine

Lacrima smarrita l'anima
Che con fiducia a se stessa racconta
della sua metà simmetrica,
abbandonata insieme al cuore
dove la vita gli è stata donata,
per conservar viva la speranza
di estinguer gli ultimi giorni di vita tra aromi di agrumi,
ed essenze di mandorli in fiore.
Colta dal brivido del vento nostalgico,
il capo, accarezzato dal ricordo
Libera i nodi che prigioniero tengono lo spirito
Che si svincola
lasciandosi trasportare dal vigore delle
Onde del mio mare, che richiama a sé , col canto suo
Chi si è smarrito o chi per mangiare ha dovuto abbandonare.
i miei occhi, finestre immense si schiudono
al mondo, il mio mondo.
Non conosco sofferenza,
Esiste.
Ma l'anima inebetita
Presenzia silenziosa alla bellezza
Del sorriso della mia terra
Che accoglie sua figlia
Come se questa mai fosse partita.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • mauri huis il 06/09/2012 10:23
    Ottima lirica nostalgica, commossa e trattenuta il giusto. Molto piaciuta. Oscuro il gioco delle maiuscole ma forse è colpa mia. Complimenti.
  • Marco Briz il 06/10/2011 21:33
    'Ma l'anima inebetita
    Presenzia silenziosa alla bellezza
    Del sorriso della mia terra
    Che accoglie sua figlia
    Come se questa mai fosse partita'
    GRAN PENSIERO CHE RAFFORZA ANCOR PIU' LA MAGNIFICA POESIA. BRAVISSIMA
  • Anonimo il 05/10/2011 22:10
    Piaciuta molto anche a me. Brava.
  • Don Pompeo Mongiello il 05/10/2011 12:56
    Molto piaciuta ed apprezzata questa tua tanto bella!
  • Anonimo il 04/10/2011 13:31
    Un perpetuo moto dell'anima. Brava..!!
  • Anonimo il 04/10/2011 13:06
    nostalgica, sofferat ma piena di sensazioni meravigliose complimenti
  • denny red. il 04/10/2011 06:04
    Che Bella!!! tutti i miei Complimenti!!! Terry.
    Bravissima!!!!
  • Anonimo il 03/10/2011 23:24
    Bravissima Teresa
  • Michelangelo Cervellera il 03/10/2011 20:53
    La chiusa è molto bella, la poesia di più. Una poesia d'amore non rivolta ad un "lui" o a una "lei",
    ma alla propria terra dove le radici rimangono salde.
    Una bellissima poesia,
    Michelangelo
  • Anonimo il 03/10/2011 16:55
    Bellissima Teresa, molto intensa la chiusa.

    Bravissima
  • karen tognini il 03/10/2011 15:41
    Stupenda Teresa... nostalgia in versi.. lasciano il profumo sulla pelle della tua terra di agrumi e sole... Ma l'anima inebetita
    Presenzia silenziosa alla bellezza
    Del sorriso della mia terra
    Che accoglie sua figlia
    Come se questa mai fosse partita.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0