accedi   |   crea nuovo account

Adesso basta!

La musica, la poesia,
donano sogni,
desideri, emozioni.
Che bello, sì!

Passa però il tempo,
credo sia arrivato il momento
il nostro momento
di farci giustizia da soli.
Come i Peloponnesi
anche noi altri
siamo vittime predestinate.

La guerra è ormai vicina
per tutti,
non esisterà più sole
nè nuvole
solo rabbia cosparsa
in fumo e fiamme.

Questi fottuti sovrani,
traghettori incapaci
del nostro piccolo inferno,
spinti da non so quale forza
di dignità occulta,
raccontano ancora storielle,
in stile "Ci pensiamo noi"

... ma a far cosa?

A farsi di cocaina
e fottersi le vergini puttane
in cerca anche loro di
un posto al sole?

Avete mai pensato che il mondo
sta svanendo?

Allora li vorrei vedere
tutti saltellare allegramente
sulla cenere ardente
del loro menefreghismo e falsità.

Mia dolce Italia,
non sei più un regno,
sei solo maggioranza
e opposizione.
Sei arte resa inutile
da cotanta rovina.

Cosa succede quando
il fuoco arriva in cima
al vulcano?

Stiamo scoppiando!
E il boato si udirà
in ognidove.
Il nostro sorriso
ormai è timido
e nasconde rabbia
che esploderà.

Allora li vorrei vedere ancora
tutti saltellare allegramente
sulla cenere ardente
del loro menefreghismo e falsità!

 

l'autore Raffaele Severino ha riportato queste note sull'opera

Sfogo semi-poetico in stile grezzo, che narra la tristezza della società attuale "pronta" al baratro definitivo e la rabbia di chi ne fa parte.


1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 12/05/2012 13:24
    Lo so, la rabbia è tanta, il dolore è tanto, ma in questi casi la cosa peggiore che si può fare è accomunare tutto e tutti, tranne noi stessi, le nostre colpe ed omissioni, mentre non si tiene più in alcun conto -anzichè sorreggerlo- lo sforzo che tanti continuano generosamente a compiere, ogni giorno, per il bene di tutti. Non spegnamo la nostra passione -MAI- negli ideali per cui vale la pena vivere, la vita ha SENSO!
  • Francesca La Torre il 12/05/2012 07:52
    Molto ben scritta e soprattutto "vera". Piaciuta.
  • Raffaele Severino il 04/10/2011 20:55
    Di pancia per non dire un altra cosa...!?
  • Anonimo il 04/10/2011 20:44
    Scritta di pancia come piace a me!
  • Raffaele Severino il 04/10/2011 15:21
    Viva l'ottimismo Vera. Sempre. Analizzando, però, l'attualità... impossibile restare positivi...
    Se ce la faremo, vedremo fra un po' di tempo... ma forse ci stiamo un po' illudendo per non pensare al peggio! Non saprei...
  • Anonimo il 04/10/2011 14:52
    Caro Raffaele, un solo tipo d'indignazione, credo, può essere positiva, anzichè avvelenarci l'anima: quella operativa. È l'intero nostro popolo consapevole che deve ormai svegliarsi ed operare generosamente, nessuno demandando ad altri ciò che può. Io ho fiducia: il sonne è stato lungo, ma i segni del risveglio non mancano. Ce la faremo a cambiar pagina, ce la faremo!
  • Raffaele Severino il 03/10/2011 22:27
    E meno male direi, cara Michela!! Tuttavia, l'ho scritta anche con il sorriso, ma più scrivo e più mi immedesimo... potrei scrivere dei papelli interi senza accorgermene... ma a un certo punto, devo fermarmi!
  • michela salzillo il 03/10/2011 22:09
    Un bel "vomito di parole"!!!"Allora li vorrei vedere ancora
    tutti saltellare allegramente
    sulla cenere ardente
    del loro menefreghismo e falsità"
    ... Non perdere le speranze, in fondo ci sono sempre le stelle

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0