accedi   |   crea nuovo account

Morti di Normandia

Mi chiamo Wilson,
Albreicht, Stankiewicz
sono mille uomini in uno soltanto
mille sogni che dimorano
per sempre segreti e inespressi
sotto l'abbraccio di una bianca croce.
Osservate
la nostra lacerante
nascosta distesa di corpi
scriveremo sui vostri occhi
la dolcezza incomprimibile
della libertà che non conoscemmo
per farvi conoscere
amateci
e imparerete ad amarla davvero.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • cristiano comelli il 04/10/2011 23:50
    Cara signora Morry, sono io che ringrazio lei per le parole a me rivolte. Questa piccola riflessione in versi è nata proprio l'indomani della visita che ho fatto quest'estate sia alle spiagge dello sbarco, da Omaha Beach a Juno, sia a uno dei cimiteri americani. Mi si è stretto talmente il cuore tra quelle tombe che avvertivo la necessità in qualche modo di omaggiare questi ragazzi giovani morti per una libertà che ho il dovere di rispettare anche per onorarli a fondo e ringraziarli per il loro sacrificio fatto anche per me. Ne sono nati appunto questi versi che sanno poco di poesia ma tanto di cuore e sofferenza che ci ho messo. Cordialmente.
  • mariateresa morry il 04/10/2011 23:26
    Quella famosa spiaggia dello sbarco in Normandia bisogna vederla, per capire a fondo la tua poesia. Io ne ebbi un brivido fortissimo e mi sentii circondata dai fiati, dai volti e dai gemiti dei tanti soldati caduti.. È vero: erano giovani morti per la Libertà, la nostra e quella del mondo tutto, fuori dalle catene del perverso nazismo. Ti ringrazio per questa poesia che non è solo una semplice commemorazione. La Libertà non è memoria
    è il bene più attuale e a rischio che tutti abbiamo. Grazie.
  • loretta margherita citarei il 04/10/2011 22:52
    particolare scusa l'errore
  • loretta margherita citarei il 04/10/2011 22:52
    particola, doverosa dedica alla memoria
  • Anonimo il 04/10/2011 20:26
    Una poesia particolare che scende nelle viscere. Piaciuta molto.-
  • Ada Piras il 04/10/2011 16:46
    Lacerante distesa di giovani corpi... una libertà... troppo caro il suo prezzo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0