accedi   |   crea nuovo account

Lui e il bere

Eccomi qui, di lui a scrivere,
mai avrei pensato succedesse,
di chi non sa la fortuna di vivere
al fianco di una tale principessa.

Possiede accanto a se tale tesoro,
donna di par bellezza no! Non c'è.
Invece di tenerti come l'oro,
lui esce, va a bere... non del thè.

Oltre che bella sei bontà divina,
ma lui continua a trattarti male,
forse non ti ama più come prima,
quando lui t'appariva speciale.

Allor già conoscevi i suoi difetti,
eppur in lui hai voluto credere,
sposandolo, più in la, tra gli affetti.
Oggi a dir poco hai tutto da perdere.

Certo, preda dell'alcool, la sua mente,
comportamento che sa di follia.
Ti tratta come fossi deficiente,
mentre sei unica, ricca di fantasia.

Ora che aspetti un altro bambino,
lui ancora esce e non ti sta vicino.
Nei bar a bere ormai tutte le sere,
tu, in casa, prigioniera delle tue chimere.

Sta diventando un uomo di cartone,
nonostante l'aiuto che gli han dato.
Lui si distruggerà come il carbone,
a bere un'altra volta se n'è andato.

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 15/10/2011 18:20
    versi che denunciano la realtà triste di chi vive schiavo dell'alcol... di chi non apprezza chi gli dedica amore... una triste realtà ben stilata in versi di gradevole poesia... complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0