username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Qui fuori è quiete

O non so, non so dove
i miei versi giungeranno al pudore
a quali lune s'alzeranno
celandoti il mio amore.

Dio degli ignavi
perché concedi le parole
a quest'anima impotente
che combatte la tua religione.

Squassano nelle teche
le antiche reliquie
come vetro nel costato,
ma ti dirò che le ho inghiottite.

Qui fuori - è quiete.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Samuele Scagliarini il 07/10/2011 15:03
    Chiedo al mio dio perchè mi concede le parole quando non mi dona la capacità di amarla. Parole che celo. Combatto la sua religione perchè prendo sempre una posizione nella mia esistenza, ma non ora, non in questo momento. Non vorrei più essere un ignavo, ma non potendo avere le "lodi" di costei, ancor meno desidero "l'infamia"...
  • teresa... il 06/10/2011 21:15
    interessantissima e molto apprezzata. bacio
    Dio degli ignavi
    perché concedi le parole
    a quest'anima impotente
    che combatte la tua religione.
    vorrei capire di più su questa parte della poesia attendo tue delucidazioni bacio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0