accedi   |   crea nuovo account

In ricordo di Jan Palach!

Una fiamma
tra quel grigio
illuminò
lo sguardo assente
di un mondo:
una fiamma di libertà
che sapeva di vita
là dove
conosceva la morte.

Dicembre1969

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Claudio Amicucci il 24/05/2007 22:42
    Grazie a tutti per i commenti. Federico scrivere Jean è stato un errore dovuto ad un po' di fretta.
  • Anonimo il 23/05/2007 15:23
    Molto profonda: hai dato le parole ai miei pensieri quando contemplavo muta il semplice segno di morte in piazza Venceslao un giorno della scorsa primavera. nelida
  • Federico Magi il 23/05/2007 12:52
    L'avevo già letta. é ricomparsa? Apprezzo molto il ricordare un simbolo dell'Europa che si ribellò alla dittatura comunista come fu Jan Palach (a proposito, si scrive Jan e non Jean: correggi!). Per chi non lo sapesse, fu un giovane che si dette fuoco nella piazza principale di Praga come atto di rivolta simbolica al regime. Rinnovo il massimo dei voti, dato già la scorsa volta.
  • roberto mestrone il 23/05/2007 11:26
    Il ricordo di un giorno indimenticabili per cantori dai capelli bianchi..
    Molto profondo...
    Bravo!
    Ro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0