PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Intercettazioni a Berlusconi?

Labbra rossastre
guance biancastre
parrucca corvina
ciglia infoltite
vecchia baldracca in petto materno
Renzi Trota Alfano
giovani politici allevo.

Di stomaco li irrobustico
zecche al potere li lego
promesse promesse promesse a chiacchiere insegno
memoria labile il popolo ha.

Me misero me misero
che sogno reale
peperoni da Salvatore la colpa è.

Fagioli da Vincenzo dovevo mangiare
stupenda serenata avremmo suonato.

Da Napoli bandirò
che dico
dalla Europa bandirò
che dico
dal mondo bandirò
fagioli e peperoni
sogni miei o serenate in compagnia potrebbero intercettare.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • STEFANO ROSSI il 10/10/2011 16:25
    P O T E R E AL P O P O L O
  • bernardo gentile il 10/10/2011 13:31
    Intercettazioni a Berlusconi conclude "trilogia a berlusconi"
    A Berlusconi (trilogia- prima parte)

    Viciènzo 'o scartellàto
    mi chiammo
    cùrto nàsecchia ucchitièlli rècchie
    tal'e qquàle a Bèrluscone
    'o fràte pàro.

    'na muglièra tèngo
    dùie figli dissoccupàti.

    Dìnt'o vàscio
    'nu liètto 'nu tavulìno
    'nu cucinìno e 'o cèsso.

    Vicino 'o bancòlotto fatico
    pe' bòna furtùna m'allisciano.

    Pàne e pàsta magno
    quànno 'a ciacìona mia
    pàsta e fasuli fa
    'a tèrza uèrra scoppìa.

    Bòtte fièti
    gas fràcido 'u vìco mpèsta.

    Bèrluscone
    aggio sàputo
    'a menèsta ti piace
    quànno a Nàpoli vièni
    da me passa
    pàsta e fasuli ti faccio pruvà.

    A Berlusconi (trilogia 2^ parte)

    Tatòre 'a pugnètta
    mi chiammo
    vicino 'a Viciènzo
    'i casa sto.

    'a muglièra
    dùie zìzze chìene chiène
    e
    'nu màzzo tùnno tùnno tene
    còmme
    Càrfagna escòrtte nennèlle
    guài t'avesse prucurà?

    Da me passa
    puparuòli frìtti
    ti faccio assàggia.

    'na punta 'i bicarbonato
    rùtti pe' parià
    e
    'a nona sinfonia 'i Betòvenn
    putìmmo suna.

    Cu devuziòne
    cumpàre Tòre.

    A Berlusconi (trilogia 3^ parte)

    Dinto 'o vico
    'a vòce gira
    tùtti ti vonno 'nvita.

    Sergio 'o direttòre
    Vincenzo 'o giurnalìsta
    Ernesto 'o cantante
    Bernardo 'o pittòre
    da NENNE'LLA 'ncòppa i quartrièri
    ti vonno pùrta.

    Spaghètti cu lupini
    frittùra 'e mazzàmma
    'e ddete ti fann' allìcca
    vino jànco a sceruppà.

    'na jurnàta in allèria
    sènza fèmmene e piccerèlle
    'o sole mio
    'nzième a canta.
  • Anonimo il 10/10/2011 11:36
    Chissà se bastasse un piatto 'ricco' per rallentare il mietitore... con lo stomaco ingolfato farebbe il botto!
  • loretta margherita citarei il 07/10/2011 17:21
    abbiamo toccato il fondo co sti politicanti
  • cristiano comelli il 07/10/2011 16:31
    Tema scottante, le intercettazioni. Non intendo fare politica in un sito di poesia ma nutro forti preoccupazioni rispetto a questo sistema di potere dove l'apparenza e la falsità, nonchè la disonestà sembrano elevate a sistema e a valore assoluto.
    Ma credo che il paese siamo innanzitutto noi. Nessuno se ne chiami fuori, se democrazia deve essere, e lo deve essere, ognuno deve dare il suo. Grazie, comunque, per questa poesia che ci regala un momento di ilarità, seppure su una realtà amara.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0