PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il peccato originale

Diavolo, altro nome della bellezza,
donna dall' eterno amore per la natura,
mani forti su tentazioni dolci,
corpi vivi, tra spiriti indifferenti.

Tu, anima incerta
che ha scelto la terra,
rinunciando al cielo,
tu che non credi
in altro che sia ciò che vedi.

Tu che il peccato l' hai vissuto
tra i vizi della carne,
perchè troppa era la bellezza
da sprecarla aspettando
l' ipotesi di Paradiso.

Tu che hai scelto di vivere
senza rimpianti,
di prenderti quello che ti offriva
il mondo, tu che hai rubato
una mela, perchè
non capivi la ragione
di un divieto immotivato.

Tu che ti sei preso la terra,
lasci agli altri la paura della morte,
la vita può essere inutile,
solo se viverla,
non sia valsa la pena.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti: