accedi   |   crea nuovo account

Capitello di sera

Il mare gioca con i ciottoli
e dona la luce del giorno
alla notte buia

Mi canta monotono
una dolce triste canzone
su note sempre uguali.

Vedo ombre danzare
in vesti dagli orli bianchi,
marinai in cerca di cibo ed avventure
donne e bambini e mani al cielo
e dita contorte nei capelli arsi.

Il mio cuore sanguina
e bruciano le ferite
levigate dall'acqua salmastra.

Galleggiano sull'acqua
i miei pensieri
e si infrangono sui sassi
mentre le stelle in cielo
mute
stanno a guardare.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Giuseppe Sparta il 29/09/2014 16:57
    ottima mi piace, bravo
  • Ettore Vita il 20/06/2012 16:01
    Grazie Vera del commento e di avermi dato l'occasione di rileggermi. Ne avevo bisogno di essere cullato dal mare.
  • Anonimo il 20/06/2012 14:53
    Spesso mi fermo maggiormente sul contenuto... Oggi, no: mi è giunta la POESIA e ne ho veramente goduto.
  • Anonimo il 07/10/2011 22:26
    Immagini che riflettono il proprio intimo, il proprio sentire, la propria realtà vissuta sotto lo sguardo indifferente, ma presente, di una realtà più grande che, personalmente, identifico con le stelle.
  • Ada Piras il 07/10/2011 21:52
    Bellissima poesia Ettore complimenti.
  • Ettore Vita il 07/10/2011 21:48
    Siete tutte molto buone, anche Ben è sempre il benvenuto. Grazie di cuore.
  • Anonimo il 07/10/2011 21:07
    Poetiche immagini che fanno riflettere molto.
    Molto bella. Bravo.
  • Anonimo il 07/10/2011 20:28
    Molto bella. La nostra realtà sotto un cielo che incombe.
  • Elisabetta Fabrini il 07/10/2011 18:32
    Veramente una bella poesia...
    Bravissimo Ettore!!
  • loretta margherita citarei il 07/10/2011 17:13
    molto bella complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0