PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

[Senza titolo]

Quattro stagioni, quattro grandi ragioni,
erano già tutte ormai passate.
Invano l'alta velocità dei desideri,
quella che ti fa sorvolare in su.
Incapace di condurre una vita grama,
verso altre stagioni, altri momenti,
altri aghi di eventi pungenti.
Sfruttando ogni lampo di passioni,
inseguendo un urlo di esiliando,
scoprendo che non hai
altri pensieri infarciti
di punti esclamativi,
se non quelli rimasti di scorci
e fieri interrogativi.
Come possiamo chiamare il tempo?
se non il volare di gioie
e dolori di ogni momento.
Come possiamo chiamare amore?
se non voci di donne, di uomo,
di lacrime di ogni tormento.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0